logo

Drop us a Line

Lorem ipsum dolor sit amet,
consectetuer ux adipis cing elit, sed

NAME@YOURSITE.COM

Fisioterapia, Riabilitazione e Medicina dello Sport

info e prenotazioni: 011 3999 222 | info@irriba.it
 

La Riabilitazione del Pavimento Pelvico

LA RIABILITAZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO

L’Ambulatorio di riabilitazione del pavimento pelvico ha l’obiettivo di intervenire
sulla muscolatura del pavimento pelvico danneggiata nelle sue funzioni da una patologia, così da restituirle le funzioni originarie. L’obiettivo della Riabilitazione del pavimento pelvico è il miglioramento delle “performances” perineali, così da consentire alla zona interessata di espletare correttamente le sue funzioni di sfintere e di sostegno. In condizioni di normalità, l’attivazione di questa muscolatura è indicata per le seguenti finalità: garantire una continenza urinaria e fecale adeguata, mantenere una qualità di vita sessuale soddisfacente in termini di sensibilità vaginale e sensazione orgasmica, prevenire un prolasso genitale.

INDICAZIONI:

  • Prolasso rettale, uterino o vescicale
  • Post menopausa
  • Post chirurgico (emorroidi, isterectomia, prostatectomia)
  • Stipsi o incontinenza fecale e/o urinaria
  • Sessualità dolorosa
  • Post parto
  • Post cesareo o altri interventi ginecologici
  • Preparazione al parto

phenix_liberty_pelvico

I RISULTATI CHE SI POSSONO OTTENERE:

  • Schiena senza dolore facendo lavorare correttamente il bacino e il perineo
  • Postura allineata e minor tensione sulle spalle
  • Maggior controllo sui muscoli quando si starnutisce o mentre si tossisce senza fastidiose perdite
  • Maggiore consapevolezza del processo del parto
  • Preparazione pre-chirurgica per migliore esito post-chirurgico
  • Velocizzazione dei tempi di recupero post-chirurgici
  • Riduzione entità di eventuali perdite di funzionalità post-chirurgiche
  • Recupero del piacere sessuale

Dopo una prima visita (counseling fisioterapico), viene stabilito il numero di incontri, che possono essere da un minimo di una seduta ad un massimo di dieci sedute.
Se il paziente presenta una disfunzione in fase iniziale, può essere proposto un lavoro di gruppo a scopo “educativo”.
È bene sottolineare che il trattamento riabilitativo lascia al/alla paziente una educazione ed una autonomia anche dopo la fine del trattamento rendendolo consapevole dei corretti movimenti nelle attività quotidiane in modo da prevenire ricadute e nuove patologie.
I problemi al pavimento pelvico sono però soprattutto generati dai prolassi del retto, dell’utero e della vescica, che colpiscono soprattutto le donne, in particolar modo quelle che hanno sostenuto una gravidanza o che si sono sottoposte a un intervento all’utero o comunque a un intervento chirurgico ginecologico o proctologico.
Per quanto riguarda gli uomini, invece, quelle più impattanti sul pavimento pelvico sono le patologie di tipo urologico, prime fra tutte quelle che riguardano la prostata.

Per informazioni e prenotazioni: 011.39.99.222